Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’Opec aspetta la Russia per trovare un accordo sui tagli
07/12/2018 - Pubblicato in news internazionali

Mentre l’Opec è in crisi e non riesce a trovare un accordo sui tagli di produzione, gli Usa hanno raggiunto un record storico: esportare più petrolio e prodotti raffinati di quanti ne abbia importati. A Vienna l’Organizzazione degli esportatori di greggio è stata costretta a rimandare la conferenza stampa organizzata per rendere noti i risultati del vertice, relativamente a taglio della produzione. L’evento è piuttosto raro e non accadeva da decenni: il petrolio sta crollando a picco, analogamente all’ultima crisi del 1986, ricordata dai delegati più anziani, dove i negoziati durarono 17 giorni. Il petrolio sta andando a picco anche per un effetto di un surplus creato, soprattutto, ma non solo dagli Usa. Oggi l’Opec ha l’obiettivo di comunicare una decisione insieme alla Russia e agli altri alleati non Opec. Tra gli scogli su cui si è arenata la discussione, c’è anche quello del contributo ai tagli da parte della Russia: per motivi tecnici, ha ricordato Novak, le compagnie russe non possono ridurre l’output immediatamente.  

Fonte:  Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]