Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’Opec aspetta la Russia per trovare un accordo sui tagli
07/12/2018 - Pubblicato in news internazionali

Mentre l’Opec è in crisi e non riesce a trovare un accordo sui tagli di produzione, gli Usa hanno raggiunto un record storico: esportare più petrolio e prodotti raffinati di quanti ne abbia importati. A Vienna l’Organizzazione degli esportatori di greggio è stata costretta a rimandare la conferenza stampa organizzata per rendere noti i risultati del vertice, relativamente a taglio della produzione. L’evento è piuttosto raro e non accadeva da decenni: il petrolio sta crollando a picco, analogamente all’ultima crisi del 1986, ricordata dai delegati più anziani, dove i negoziati durarono 17 giorni. Il petrolio sta andando a picco anche per un effetto di un surplus creato, soprattutto, ma non solo dagli Usa. Oggi l’Opec ha l’obiettivo di comunicare una decisione insieme alla Russia e agli altri alleati non Opec. Tra gli scogli su cui si è arenata la discussione, c’è anche quello del contributo ai tagli da parte della Russia: per motivi tecnici, ha ricordato Novak, le compagnie russe non possono ridurre l’output immediatamente.  

Fonte:  Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]