Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’Opec aspetta la Russia per trovare un accordo sui tagli
07/12/2018 - Pubblicato in news internazionali

Mentre l’Opec è in crisi e non riesce a trovare un accordo sui tagli di produzione, gli Usa hanno raggiunto un record storico: esportare più petrolio e prodotti raffinati di quanti ne abbia importati. A Vienna l’Organizzazione degli esportatori di greggio è stata costretta a rimandare la conferenza stampa organizzata per rendere noti i risultati del vertice, relativamente a taglio della produzione. L’evento è piuttosto raro e non accadeva da decenni: il petrolio sta crollando a picco, analogamente all’ultima crisi del 1986, ricordata dai delegati più anziani, dove i negoziati durarono 17 giorni. Il petrolio sta andando a picco anche per un effetto di un surplus creato, soprattutto, ma non solo dagli Usa. Oggi l’Opec ha l’obiettivo di comunicare una decisione insieme alla Russia e agli altri alleati non Opec. Tra gli scogli su cui si è arenata la discussione, c’è anche quello del contributo ai tagli da parte della Russia: per motivi tecnici, ha ricordato Novak, le compagnie russe non possono ridurre l’output immediatamente.  

Fonte:  Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Green new deal, la Speranza per il futuro

La Banca europea per gli investimenti ha approvato la nuova politica per l’energia.
[leggi tutto…]

Primato mondiale per petrolio e gas

Gli Stati Uniti sono diventati il più grande produttore di petrolio al mondo, oltre che di gas naturale
[leggi tutto…]

Snam, il core business spinge utile e marginalità

Sfruttando la positiva performance del business del trasporto gas e il mix di efficientamento della gestione operativa e ottimizzazione della struttura finanziaria, Snam ha i principali indicatori in crescita e con una netta accelerazione
[leggi tutto…]