Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Si al petrolio, no al green
12/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato Usa sopra il 2% per la prima volta da gennaio ha imposto venerdì 11 una battuta d’arresto a Wall Street, che il giorno precedente aveva toccato un nuovo record (18.807,88), spinto dall’euforia sulle promesse del programma di Donald Trump, che intende rilanciare l’economia, raddoppiando la crescita del pil al 4%. La prospettiva di un rialzo dei tassi di interesse più veloce delle aspettative, a causa della politica economica espansiva annunciata dal nuovo presidente americano durante la campagna elettorale, ha finito però per alimentare il clima di incertezza, che ha penalizzato soprattutto le azioni e le valute dei mercati emergenti. Le attività minerarie del petrolio e del gas terranno di più grazie all’atteggiamento protezionistico di Trump nei confronti dell’industria pesante statunitense mentre le aziende delle rinnovabili possono risultare danneggiate dalla posizione del presidente sul cambiamento climatico e la mancanza di sostegni nel campo dell’energia pulita.

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]