Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, nel mare del Nord le scorte iniziano a calare
20/08/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il Brent è passato, nel giro di poche settimane, da una condizione di bear market a quella di bull market: nel mare del Nord infatti gli stoccaggi galleggianti - quelli custoditi a bordo di petroliere - hanno iniziato a ridursi. Il fattore risponde anche a fattori contingenti, come ad esempio la chiusura a breve per manutenzione del giacimento di Buzzard, motivo per cui, verosimilmente, i raffinatori si stanno approvvigionando in vista di possibili rincari. Il mercato petrolifero è comunque ancora lontano dall’aver risolto il problema delle immense giacenze accumulate negli ultimi anni e, anche il surplus di offerta, stenta a ridursi. Secondo Amirta Sen di Energy Aspects, la riduzione delle scorte è dovuta in parte alla diminuzione della fornitura della Nigeria e all’aumento della domanda in Asia. La settimana appena conclusa è stata la migliore da aprile, con un rialzo dell’8%.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

I prezzi della CO2 alle stelle: pericoli per famiglie e imprese

Il mercato europeo dell’energia elettrica oggi è caratterizzato da un tale squilibrio da rendere inevitabile un amaro rincaro della bolletta.
[leggi tutto…]

Stoccaggi gas, prelievi record in Europa

Nell’inverno 2020-2021 raggiunta quota 720 TWh
[leggi tutto…]

Snam & C, i primi utili dal Tap

Dall’inizio dell’anno il gasdotto Tap ha già trasportato oltre 1,3 miliardi di metri cubi di gas. Ma ancora prima, nel corso del 2020, ha iniziato anche a far affluire i primi utili nelle casse degli azionisti del consorzio Tap Ag
[leggi tutto…]