Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio iraniano arriva in Europa. Negli usa produttori low cost in crisi
08/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

L’Iran annuncia che presto invierà in Europa 300mila barili al giorno, pari al 54% di quanto esportava prima delle sanzioni. Inoltre sono in corso trattative tra Eni e Teheran per il recupero di vecchi crediti italiani rimasti bloccati al tempo delle sanzioni. Si tratta di 800 milioni di dollari, riguardo ai quali si sta negoziando una restituzione in forma di barili di petrolio anziché in denaro. Ma prima che l’Iran possa tornare su mercato europeo è necessario che si realizzino una serie di condizioni favorevoli. E la attuale crisi petrolifera non permette di intravedere all’orizzonte segnali di ripresa. Negli Usa, ad esempio, i produttori sono in bancarotta: solo la scorsa settimana sono state tagliate 48 torri di shale oil. A questo ritmo, entro la primavera probabilmente non ve ne saranno più.   

Fonte: La Stampa – Luigi Grassia (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]