Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’Iran apre a trattative con l’Opec ma pone condizioni
07/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

Dopo il patto sul petrolio sottoscritto da Arabia Saudita e Russia, la risposta dell’Iran non si è fatta attendere. E anche se come sempre il suo messaggio non è cristallino, oggi sembra esserci meno ambiguità rispetto al passato e forse persino un’apertura alla possibilità di accordi con gli altri produttori, anche se il mercato continua a non fidarsi: il Brent ha chiuso in ribasso dello 0,8% a 47,26 dollari al barile. Da Teheran è arrivato in realtà un mosaico di dichiarazioni, con la tessera principale fornita dal presidente Hassan Rouhani in persona: “l’Iran ha sofferto molto durante le sanzioni” e adesso considera” vitale recuperare la produzione perduta”, ha mandato a dire attraverso un comunicato dell’Opec. Più significative sono tuttavia le parole affidate all’agenzia di stampa statale Irna. “Speriamo che alla luce della prudenza, della cooperazione e del coordinamento tra i membri dell’Opec il mercato del petrolio si stabilizzerà su prezzi equi. Oggi tutti dovrebbero perseguire un singolo scopo e cioè assicurare un mercato in equilibrio e una quota produttiva equa per tutti i membri”.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante
[leggi tutto…]

La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia
[leggi tutto…]

Transizione e gas, affare in commissione Industria Senato

La commissione Industria del Senato avvierà a breve un “affare assegnato” sulla transizione energetica e il ruolo del gas e delle altre fonti
[leggi tutto…]