Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, incontro Riad-Mosca sui tagli
27/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

Di fronte al continuo aumento delle scorte petrolifere, l'Arabia Saudita cerca di serrare i ranghi per proseguire i tagli di produzione: entro due settimane il ministro del Petrolio Khalid Al Falih conta di recarsi a Mosca per incontrare il suo omologo russo Alexander Novak e cercare di vincere le sue resistenze. L'ha rivelato lui stesso durante una visita in Azerbaijan, che gli ha guadagnato l'accordo di Baku, altro produttore non Opec, a una proroga dell'intervento. "Sembra che ci sia un consenso ad andare in quella direzione, ma non ci siamo ancora arrivati al 100% - ha dichiarato Al Falih - Abbiamo ancora bisogno di parlare con tutti i Paesi e un Paese molto importante a cui parlare naturalmente è la Russia". Anche Venezuela e Algeria hanno intanto riavviato le trattative diplomatiche per incoraggiare una prosecuzione dei tagli. L'urgenza sta crescendo, di fronte alle statistiche Usa che anche ieri hanno confermato la difficoltà del compito di riequilibrare il mercato. Le scorte di greggio si sono ridotte per la terza settimana secondo l'Eia, di 3,6 milioni di barili. Ma di nuovo sono salite quelle di carburanti: 3,4% mb per le benzine tornate ai livelli (elevati) di un anno fa e 2,7% mb per i distillati.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]