Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio giù, ma il rilancio non è più un miraggio
05/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

Ma proprio mentre le banche si affannano nel tagliare le previsioni sui prezzi, il mercato sembra aver cominciato a credere nella possibilità di un rilancio. Negli ultimi giorni tutte le volte che il barile si è riavvicinato a 30 dollari sono intervenuti acquisti, talvolta molto intensi, che l'hanno risollevato: come se quella soglia fosse stata identificata come un possibile "fondo". Gli speculatori, ancora molto esposti al ribasso, stanno approfittando di ogni scivolone dei prezzi per chiudere, riacquistandole, una parte delle posi zioni corte. Anche così si spiegano i volumi di scambio elevatissimi e l'estrema volatilità dei mercati petroliferi. Tra i grandi movimenti di denaro di questa settimana, riferisce Reuters, c'è stato quello generato dall'improvvisa liquidazione di una quota da 600 milioni di dollari di un Etn (Exchange Traded Note) altamente speculativo: il VelocityShares yi Inverse Crude Oil, emesso da Credit Suisse, che consente di scommettere a leva tripla sui ribassi del greggio. Nonostante le distanze tra Paesi, le trattative per un taglio congiunto tra produttori Opec e non Opec continuano e non è escluso un vertice straordinario Più in generale, gli investitori di ogni genere sono probabilmente impegnati in un importante riorganizzazione del portafoglio, per seguire l'evoluzione delle politiche monetarie.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Il gas, economico e green, affossa il carbone

In nome dell’ambiente, ma anche dell’economia. Il ruolo del carbone nella generazione elettrica sta tramontando a una velocità senza precedenti in Europa
[leggi tutto…]