Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio giù, a 70,3 dollari a barile
13/07/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio ha chiuso ieri le contrattazioni in rosso dopo il deciso arretramento di circa il 5% registrato nella seduta precedente. Numerosi fattori concorrono a mettere sotto pressione il greggio. Da una parte c’è la riapertura dei principali porti della Libia con il ritorno del Paese sul mercato delle esportazioni dopo un blocco dovuto alla crisi politica e alla dissoluzione dello Stato dell’era post-Gheddafi. Dall’altra parte ancora una volta ci sono da mettere in conto le tensioni commerciali tra gli Usa e la Cina, che minacciano la crescita economica globale e di conseguenza anche le aspettative di lungo periodo sulla domanda globale di greggio. Ma le novità dalla Libia sono considerate decisive perché la riapertura dell’export del Paese potrebbe rimettere sul mercato internazionale 850mila barili di greggio di elevata qualità.

Fonte: Corriere della Sera – red (pag. 29)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]