Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio e gas restano ancora centrali per il futuro
11/11/2017 - Pubblicato in news nazionali

L’Italia ha un urgente bisogno di strategia nazionale per unire un paese sfilacciato, diviso, impoverito dalla deindustrializzazione. Il tentativo, encomiabile, lo fa nell’energia, ma i risultati deludono, mentre spiccano intendimenti da rivoluzione verde che rischiano di assecondare la deriva populista in atto. Clamoroso è il silenzio sulla produzione nazionale di gas e petrolio, gli idrocarburi, quelli che ancora oggi coprono il 70% dei nostri consumi di energia: nel 2016 119 milioni di tonnellate di petrolio equivalente (tep) su un totale di 169 milioni tep. La nostra prima società industriale, quella che guida il nostro listino azionario e quella che ha dato le migliori soddisfazioni allo Stato circa le privatizzazioni, è l’Eni, che sta per Ente Nazionale Idrocarburi, una delle grandi compagnie petrolifere internazionali. La nostra storia energetica, comune a tutti i Paesi europei, è fatta dal gas e dal petrolio: il primo ha permesso negli ultimi 20 anni di ottenere miglioramenti ambientali nella produzione elettrica, in termini di riduzioni delle emissioni di CO2, pari a quelli delle fonti rinnovabili, senza però far pagare ai consumatori gli incentivi. Il petrolio, è ancora la prima fonte, in quanto nei trasporti conta ancora per il 97%. La Sen del 2013 indicava come obiettivo per il 2020 una produzione di gas e petrolio di 24 milioni di tep, contro l’allora 12, sceso a 9 nel 2017. Oggi, invece, è sparito ed è lecito dedurne che sia diventato zero, in maniera coerente con chi ritiene, secondo la vulgata di una rivoluzione verde acritica e apodittica, che si possa fare a meno dei fossili entro pochi mesi. La nuova Strategia sembra puntare tutto sugli obiettivi “verdi” che devono necessariamente attenersi a quelli comunitari, molto ambiziosi, sui quali trova un po’ di condivisione, molto facile, quasi tutta la politica italiana.

Fonte; Il Sole 24 Ore – Davide Tabarelli (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]