Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio e gas azeri destinati all’Europa, l’Asia non ci interessa
24/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

“Non intendiamo diventare un paese membro dell’Opec. Per il momento siamo contenti dell’attuale livello di cooperazione che ci consente di lavorare insieme non solo a livello consultivo ma anche a livello di interazioni. Prevediamo di continuare questa cooperazione anche in futuro”. Parviz Shahbazov, il nuovo ministro azero dell’Energia, mette a tacere le voci uscite sulla stampa internazionale di una possibile adesione dell’Azerbaijan all’Opec. Nominato in ottobre, Shahbazov ha già una strategia chiara: consolidare il rapporto con l’Europa anziché puntare verso l’Asia. “Il corridoio sud è stato concepito per una capacità di 16 miliardi di metri cubi l’anno di gas. Sei saranno destinati al mercato turco, dove inizieranno ad arrivare già quest’estate. Il Tap dovrebbe essere completato nel 2020 e se la domanda dovesse mostrare segni di crescita, il gasdotto potrebbe raddoppiare la capacità. Nel 2017 abbiamo estratto in media 781mila barili la giorno. In marzo siamo arrivati a 794mila bg, inclusi i condensati.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Roberto Bongiorni (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam accompagna Pechino nella transizione verso la neutralità carbonica

Obiettivo decarbonizzazione. In Cina il percorso della transizione energetica, spinto negli ultimi anni dall’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria, ha subito un’accelerazione negli ultimi mesi del 2020, con l’impegno
[leggi tutto…]

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]