Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in forte ribasso sulla crescita dell’offerta in Libia, Nigeria e Usa
08/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Fine settimana all’insegna dei ribassi sui mercati petroliferi: nuovo scivolone con il Brent sceso attorno ai 46,30 dollari/barile, oltre il 3% in meno della seduta precedente; il Wti è sceso sotto la soglia dei 44 dollari. Le quotazioni sotto pressione a causa delle maggiori estrazioni in Usa, Libia e Nigeria. Dai dati diffusi dal dipartimento dell’Energia, gli stock di benzina si sono attestati in calo di 3,69 milioni di unità a 237,303 milioni, dopo la discesa di 894 mila barili dei sette giorni precedenti. Il numero delle trivelle attive negli Usa è tornato a crescere: i pozzi attivi sono saliti di 7 unità arrivando a quota 763. Cresce la produzione Opec, nonostante la decisione di estendere fino a marzo 2018 il programma di tagli produttivi. La Libia oggi produce oltre 1 mbg, contro i 400 mila bg di ottobre scorso. La Nigeria estrae al ritmo di 1,6 mbg, contro i 1,2 mbg di ottobre.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Balduino Ceppetelli (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]