Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio ha la febbre, ora rischiano le imprese
27/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il rincaro dei prezzi alla pompa registrato nelle ultime settimane potrebbe essere solo il primo segnale. Se il prezzo del petrolio dovesse continuare a salire — il Brent ha ripiegato parzialmente solo negli ultimi giorni, dopo aver raggiunto i massimi dal 2015 — , si rischiano problemi ben più consistenti sia per i consumatori, che per le imprese. Infatti lo scenario macro è in evoluzione, con due forze che spingono in questa direzione: da una parte il consolidarsi della crescita economica a livello mondiale, che solitamente porta con sé maggiori consumi; dall’altra la convinzione diffusa tra gli analisti che il 30 novembre, quando a Vienna si ritroveranno i Paesi del cartello Opec e quelli affini (Russia in primis), verranno rinnovati i tagli alla produzione in scadenza il prossimo 30 marzo, architettati proprio per cercare di risollevare i corsi del barile. In questa direzione spingono in particolare l’Iraq, l’Arabia Saudita e il Kuwait, ma anche gli altri sembrano orientati a estendere i tagli anche se mancano indicazioni temporali sulla mossa. Resta da capire come si muoverà Mosca. Resta però difficile da decifrare la situazione negli Stati Uniti. Dopo settimane in cui si è registrato un progressivo calo delle scorte, indicatore che tende ad anticipare nuovi rifornimenti (e quindi una pressione della domanda sull’offerta, con il conseguente rialzo dei prezzi), più di recente si è assistito a un incremento della produzione locale, che potrebbe spingere in direzione opposta.

Fonte: La Repubblica, Affari e finanza – l.d.o (pag. 44)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]