Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’Equador non rispetterà i tagli alla produzione
19/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il ministro dell’Energia dell’Ecuador, Carlos Perez, ha dichiarato di non poter più rispettare l’accordo sancito con l’Opec sul taglio alla produzione di petrolio «a causa delle necessità del Paese». Nonostante lo Stato dell’America Latina sia il minor produttore di greggio dell’Opec, per il cartello si tratta di una battuta d’arresto simbolica nel suo percorso verso la normalizzazione del mercato dell’oro nero. L’intesa sulla riduzione delle scorte globali di petrolio ha mancato l’obiettivo di sollevare i prezzi del greggio, rimasti poco mossi o al di sotto dei livelli precedenti al patto. L’Ecuador aveva concordato di ridurre il proprio output di 26 mila barili al giorno, dai 548 mila prodotti ad ottobre, ma il ministro ha riportato che il Paese sta limitando la produzione di circa 10 mila barili al giorno. Libia e Nigeria, membri dell’Opec esentati dall’accordo a causa dei disordini civili presenti sui loro territori, hanno aumentato la loro produzione negli ultimi mesi. L’Arabia Saudita, il più grande produttore di greggio del Cartello e il primo esportatore di oro nero al mondo, ha annunciato che a giugno per la prima volta non ha osservato i tagli concordati.

Fonte: MF – Red. (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]