Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, la domanda globale continuerà a crescere nel 2019
15/06/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La domanda di petrolio continuerà a crescere anche nel 2019 al pari di quanto accaduto quest’anno. È la fotografia scattata dall’Agenzia internazionale dell’energia (Aie) nel consueto rapporto mensile che, per la prima volta, formula le stime sull’andamento del mercato petrolifero e sull’offerta non Opec per il 2019. Ad ogni modo, però l’Ai è convinta che i prezzi non dovrebbero continuare a salire al ritmo registrato a metà 2017 e la richiesta di greggio potrebbe anche ricevere supporto dalle misure in esame in alcuni paesi, nonché dalla spinto generata dal settore petrolchimico, con il risultato di una crescita della domanda petrolifera globale per il 2019 e 1,4 milioni di barili al giorno. Quanto all’offerta, l’Aie ha rivisto al rialzo la stima per la crescita della produzione non-Opec a 2 milioni di barili al giorno nel 2018 e 1,7 milioni b/g nel 2019, con gli Usa destinati a trarne il maggiore guadagno. Nei numeri della crescita non-Opec per il 2019, il rapporto include anche un modesto aumento della Russia che riflette un possibile contributo per compensare la produzione persa in Iran e Venezuela.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Celestina Dominelli (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]