Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, la crisi a Permian frena la crescita della produzione Usa
12/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

Nel bacino di Permian le estrazioni stanno rallentando: una frenata che secondo alcuni protagonisti del settore potrebbe dipendere non solo dalla temporanea inadeguatezza degli oleodotti e che ora ha convinto anche il Governo a ridimensionare le attese sul prossimo futuro. L’Energy Information Administration (Eia) ieri ha tagliato le stime sulla produzione di greggio Usa: ora prevede che nel 2019 ci sarà un incremento di 840mila barili al giorno, invece di 1,02 milioni, per arrivare a una media di 11,4 mbg. I segnali di allarme su Permian si stanno intensificando. A giugno avevano fatto scalpore le dichiarazioni di Scott Scheffield, ceo di Pioneer Natural Resources, secondo cui entro settembre la produzione del bacino avrebbe smesso di crescere, poiché si sarebbe esaurita la capacità di trasporto degli oleodotti in uscita dall’area. Le quotazioni del petrolio hanno già iniziato a correre ed altri esperti nel frattempo hanno sollevato dubbi ancora più seri sulla potenzialità dell’area, che non hanno nulla a che vedere con gli oleodotti. Nuovi tubi con una portata complessiva di 2,1 mbg entreranno in funzione entro la fine del 2019, altrettanti sono attesi per il 2020. Ma rischiano di rivelarsi eccessivi, anche perché Permian sta evidenziando debolezze tecniche. A sostenerlo ora non è più un numero ristretto di geologi e analisti. A loro si sono uniti dirigenti di spicco del settore, Paul Kibsgaard, ceo di Schlumberger, e Bill Thomas, ceo di Eog Resources.

 

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]