Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, la Cina alza il velo sulle riserve strategiche
03/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

La Cina ha deciso di alzare di nuovo il velo sulle sue riserve strategiche di petrolio, comunicando che nella seconda metà del 2015 sono cresciute del 22,5%, ossia di 43 milioni di barili. Nel complesso sfiorano ora 234 mb, equivalenti a circa 33 giorni di importazioni nette: più di quanto gli analisti avessero stimato. Le cifre, pubblicate ieri dall’Ufficio Statistico nazionale, rappresentano un vero e proprio evento. È soltanto la terza volta nella storia che Pechino fornisce un aggiornamento ufficiale, ma il ritmo con cui il governo porta avanti un piano di accumulo di scorte di emergenza è cruciale per determinare le sorti del mercato petrolifero, ben più delle schermaglie verbali dell’Opec o della Russia, che pure così spesso riescono a muovere i prezzi. La Cina è oggi il secondo consumatore mondiale di petrolio alle spalle degli Stati Uniti e negli ultimi mesi li ha spesso sorpassati nelle importazioni. In media nel 2016 Pechino ha importato 7,5 milioni di barili al giorno e i suoi acquisti – che sono rimasti molto robusti, nonostante il rallentamento dell’economia – hanno dato un contributo importante alla ripresa delle quotazioni del barile.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]