Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, la Cina alza il velo sulle riserve strategiche
03/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

La Cina ha deciso di alzare di nuovo il velo sulle sue riserve strategiche di petrolio, comunicando che nella seconda metà del 2015 sono cresciute del 22,5%, ossia di 43 milioni di barili. Nel complesso sfiorano ora 234 mb, equivalenti a circa 33 giorni di importazioni nette: più di quanto gli analisti avessero stimato. Le cifre, pubblicate ieri dall’Ufficio Statistico nazionale, rappresentano un vero e proprio evento. È soltanto la terza volta nella storia che Pechino fornisce un aggiornamento ufficiale, ma il ritmo con cui il governo porta avanti un piano di accumulo di scorte di emergenza è cruciale per determinare le sorti del mercato petrolifero, ben più delle schermaglie verbali dell’Opec o della Russia, che pure così spesso riescono a muovere i prezzi. La Cina è oggi il secondo consumatore mondiale di petrolio alle spalle degli Stati Uniti e negli ultimi mesi li ha spesso sorpassati nelle importazioni. In media nel 2016 Pechino ha importato 7,5 milioni di barili al giorno e i suoi acquisti – che sono rimasti molto robusti, nonostante il rallentamento dell’economia – hanno dato un contributo importante alla ripresa delle quotazioni del barile.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]