Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, dalle calamità rischi per la domanda
12/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

Gli uragani potrebbero pesare più sulla domanda che sull’offerta petrolifera, costringendo l’Opec ad ulteriori sacrifici per smaltire l’eccesso di scorte sul mercato. Non è il funzionamento dei pozzi o l’attività dei giacimenti ad essere a rischio. Ad accusare gravi danni sono state solo le raffinerie e altri stabilimenti petrol-chimici. Ci vorrà tempo prima che l’attività economica riesca a ripartire. Goldman Sachs prevede che nel mese di settembre i due urganani ridurranno la domanda petrolifera di ben 900 mila barili al giorno, quindi si stima un accumulo di 600 mila bg questo mese. L’Opec sta già esaminando le contromisure.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]