Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in caduta. L’incubo scorte torna in primo piano
14/07/2016 - Pubblicato in stoccaggi

Il problema delle scorte è di nuovo tornato a dominare la scena sui mercati petroliferi. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, nei Paesi Ocse sono al record storico di oltre 3 miliardi di barili, custodite in parte anche a bordo di petroliere. Il fenomeno degli stoccaggi galleggianti sarebbe a livelli che non si vedevano dal 2009. L’allarme è stato confermato anche dagli Stati Uniti. Per questo le quotazioni del petrolio, già in calo dall’avvio di seduta, hanno cancellato il forte rimbalzo di martedì: Brent e Wti hanno chiuso in ribasso di oltre il 4% ai minimi da due mesi. Secondo l’Agenzia, l’esistenza di scorte molto elevate è una minaccia alla recente stabilità dei prezzi.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]