Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, ancora tensione sui prezzi del barile

Sembra essere tornata la calma sui mercati petroliferi, con i prezzi del barile, che dopo aver guadagnato fino al 20% sulla scia dell’accordo Opec sui tagli produttivi, sono apparsi in leggero calo per la seconda giornata di fila. Il Brent infatti ieri è stato scambiato anche sotto i 53 dollari, oltre l’1,5% in meno di martedì; cedimenti leggermente più marcati per il Wti, tornato sotto la soglia dei 50 dollari. E questo nonostante la flessione - superiore alle attese – registrata dalle scorte Usa, scese secondo le stime dell’Eia (Energy information administration) di 2,4 milioni di barili (-1 milioni le previsioni degli analisti privati). Il calo infatti è stato compensato dal balzo degli stock di benzine, saliti di 3,425 milioni di unità, dopo il +2,097 milioni di barili dei sette giorni precedenti (+1,7 milioni di barili la stima del mercato).

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza&Mercati – Balduino Ceppetelli (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]