Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, per l’Aie i prezzi hanno toccato il fondo
12/03/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il prezzo del petrolio «potrebbe aver toccato il fondo». La previsione, accompagnata dalle doverose cautele, arriva dall’Agenzia internazionale per l’energia (Aie). L’invito è non considerare il rally dei giorni scorsi come «il segno definitivo che il peggio sia necessariamente passato». Tuttavia qualcosa sta davvero cambiando, a cominciare dal fatto che in febbraio, per la prima volta da un anno, le scorte petrolifere nei Paesi Ocse sono diminuite. L’Aie non dice di quanto (i dati sono solo «preliminare») e aggiunge che i volumi stoccati a bordo di navi sono comunque in aumento. Inoltre, per il primo semestre stima un accumulo medio di 1,5-1,6 milioni di barili al giorno, tuttora enorme. La sua previsione, tuttavia, è che il surplus si ridurrà ad appena 200mila bg nella seconda metà dell’anno e sparirà del tutto nel corso del 2017. «Per i prezzi potrebbe forse esserci luce in fondo a quello che è stato un tunnel lungo e buio», insiste l’Aie. «È chiaro che l’attuale direzione di viaggio è corretta, anche se resta ancora molta strada da fare». Il messaggio ha incoraggiato la ripresa degli acquisti sul mercato petrolifero, con il Brent salito a 40,39 $/barile (+0,9%) e il Wti a 38,50 $ (+1,7%).

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag.23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]