Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’Aie intravvede la fine del surplus
20/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

A dicembre, osserva il rapporto mensile dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), l’offerta mondiale di greggio si è ridotta di 600mila barili al giorno, con l’Opec responsabile di oltre la metà del calo. Nel frattempo la domanda continua a mantenersi robusta: nel 2016 l’Aie ha di nuovo alzato le stime, indicando una crescita di 1,6 milioni di barili al giorno. “Se i Paesi Opec e non Opec implementassero rigidamente i tagli concordati, le scorte globali potrebbero iniziare a calare nella prima parte dell’anno”, prevede l’Agenzia. Sullo sfondo c’è però il rischio shale oil. Un rischio importante a giudizio del diretto dell’Aie, Fatih Birol, che da Davos ha avvertito che nel corso del 2017 potrebbe esserci un’accelerazione da record con 500mila barili al giorno in più sul mercato

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]