Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’Aie intravvede la fine del surplus
20/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

A dicembre, osserva il rapporto mensile dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), l’offerta mondiale di greggio si è ridotta di 600mila barili al giorno, con l’Opec responsabile di oltre la metà del calo. Nel frattempo la domanda continua a mantenersi robusta: nel 2016 l’Aie ha di nuovo alzato le stime, indicando una crescita di 1,6 milioni di barili al giorno. “Se i Paesi Opec e non Opec implementassero rigidamente i tagli concordati, le scorte globali potrebbero iniziare a calare nella prima parte dell’anno”, prevede l’Agenzia. Sullo sfondo c’è però il rischio shale oil. Un rischio importante a giudizio del diretto dell’Aie, Fatih Birol, che da Davos ha avvertito che nel corso del 2017 potrebbe esserci un’accelerazione da record con 500mila barili al giorno in più sul mercato

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam accompagna Pechino nella transizione verso la neutralità carbonica

Obiettivo decarbonizzazione. In Cina il percorso della transizione energetica, spinto negli ultimi anni dall’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria, ha subito un’accelerazione negli ultimi mesi del 2020, con l’impegno
[leggi tutto…]

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]