Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, per l’Aie la domanda crescerà almeno fino al 2040
17/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Nei prossimi 25 anni consumeremo sempre più petrolio: un destino al quale non sfuggiremo neanche se il neopresidente americano Donald Trump non dovesse tener fede alla promessa di stracciare gli accordi di Parigi sul clima. La pensa così l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), che interviene nel dibattito sul tramonto dei combustibili fossili con una posizione in netto contrasto con la teoria, sempre più diffusa e accreditata, secondo cui il picco della domanda di greggio sarebbe ormai dietro l’angolo. L’Aie - dopo un’«analisi dettagliata» degli impegni di Cop21, entrati in vigore il 4 novembre - si è convinta che neppure gli accordi di Parigi saranno in grado di fermare la crescita della domanda di greggio. Inoltre, a prolungare la dipendenza dal petrolio, secondo l’Aie, non sono comunque i veicoli per il trasporto di passeggeri, ma quelli per il trasporto di merci, insieme all’aviazione e alla petrolchimica. Nell’immediato si profila d’altra parte un periodo di maggiore volatilità dei prezzi, avverte il direttore generale dell’Aie Fatih Birol: se l’Opec deciderà di tagliare la produzione, il petrolio potrebbe risalire a 60 $.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 44)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]