Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio è affetto da schizofrenia
24/08/2016 - Pubblicato in news internazionali

Tra ottobre 2015 e il 20 gennaio di quest’anno il prezzo del barile è crollato del 47%, per poi impennarsi del 27% nei sette giorni successivi di trading e capitombolare di nuovo del 22% nei nove giorni a seguire. Dall’11 febbraio all’8 giugno il barile si è lanciato in un rally del 95% per poi ingranare di nuovo la retromarcia, affondando del 23% fino all’8 agosto. Ma da quella data fino a pochi giorni fa è risalito della stessa percentuale fino alla soglia dei 50 dollari. E ora si assiste a una nuova inversione di rotta, visto che l’intenzione dei produttori mondiali di petrolio di non mettersi d’accordo sulle quote di produzione appare sempre più chiara.

Fonte: MF – Francesco Colmartino (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]

Francia, gli oneri sulle bollette crescono dell’11%

Gli oneri per il “servizio pubblico energia” che gravano sulle bollette elettricità e gas dei consumatori francesi ammonteranno nel 2020 a 7.916 milioni di euro (+11% in più rispetto al 2018). E' quanto risulta dal calcolo p
[leggi tutto…]

Il gas torna più caro in Europa con la CO2

Sul principale hub nel Vecchio continente, il Ttf olandese, il gas è arrivato a 14 €/MWh sul mercato del giorno prima
[leggi tutto…]