Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio: l’accordo sveglia i prezzi (con prudenza)
09/01/2017 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Il petrolio è stato il protagonista assoluto della prima settimana di Borsa del 2017. L’accordo fra 13 Paesi Opec e 11 non-Opec, compresa la Russia, per un taglio secco alla produzione ha preso alla sprovvista i mercati e già alla fine della prima settimana dalla sua entrata in vigore le quotazioni del Brent europeo hanno superato i 57 dollari, oltre il doppio dei 27 toccati esattamente un anno fa. L’intesa prevede un taglio di quasi 1,8 milioni di barili al giorno per sei mesi, ma come sempre l’applicazione sarà tutta da verificare. E’ più probabile che i tagli si fermino attorno a 1,2 milioni di barili, anche se i rumor diffusi ad arte per rassicurare il mercato si susseguono, come quello sul comitato di monitoraggio, che dovrebbe riunirsi per la prima volta già il 13 gennaio.

Fonte: Corriere della Sera – Corriere Economia – Elena Comelli (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]