Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio: l’accordo sveglia i prezzi (con prudenza)
09/01/2017 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Il petrolio è stato il protagonista assoluto della prima settimana di Borsa del 2017. L’accordo fra 13 Paesi Opec e 11 non-Opec, compresa la Russia, per un taglio secco alla produzione ha preso alla sprovvista i mercati e già alla fine della prima settimana dalla sua entrata in vigore le quotazioni del Brent europeo hanno superato i 57 dollari, oltre il doppio dei 27 toccati esattamente un anno fa. L’intesa prevede un taglio di quasi 1,8 milioni di barili al giorno per sei mesi, ma come sempre l’applicazione sarà tutta da verificare. E’ più probabile che i tagli si fermino attorno a 1,2 milioni di barili, anche se i rumor diffusi ad arte per rassicurare il mercato si susseguono, come quello sul comitato di monitoraggio, che dovrebbe riunirsi per la prima volta già il 13 gennaio.

Fonte: Corriere della Sera – Corriere Economia – Elena Comelli (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]