Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio: l’accordo sveglia i prezzi (con prudenza)
09/01/2017 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Il petrolio è stato il protagonista assoluto della prima settimana di Borsa del 2017. L’accordo fra 13 Paesi Opec e 11 non-Opec, compresa la Russia, per un taglio secco alla produzione ha preso alla sprovvista i mercati e già alla fine della prima settimana dalla sua entrata in vigore le quotazioni del Brent europeo hanno superato i 57 dollari, oltre il doppio dei 27 toccati esattamente un anno fa. L’intesa prevede un taglio di quasi 1,8 milioni di barili al giorno per sei mesi, ma come sempre l’applicazione sarà tutta da verificare. E’ più probabile che i tagli si fermino attorno a 1,2 milioni di barili, anche se i rumor diffusi ad arte per rassicurare il mercato si susseguono, come quello sul comitato di monitoraggio, che dovrebbe riunirsi per la prima volta già il 13 gennaio.

Fonte: Corriere della Sera – Corriere Economia – Elena Comelli (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]