Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Con il petrolio a 60 dollari Opec più esitante sui tagli
03/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il mercato del petrolio dava già per certa una proroga dei tagli produttivi fino al termine del 2018. In realtà il consenso all’interno dell’Opec e la convinzione del suo alleato più forte, la Russia, sembrano vacillare. Probabilmente il rally del Brent oltre 60 dollari al barile – soglia mantenuta anche ieri, nonostante tutto – ha rasserenato gli animi, al punto da rendere esitanti ad impegnarsi fin d’ora a ulteriori sacrifici. Le dichiarazioni – rilasciate dall’Arabia Saudita, dove il ministro russo Novak è stato ricevuto da re Salman – sembrano preparare il terreno a un nulla di fatto al vertice Opec del 30 novembre: il gruppo e i suoi alleati potrebbero rinviare l’annuncio di una proroga dei tagli a una data più vicina all’attuale scadenza, prevista a fine marzo. In precedenza l’approccio di Mosca era stato diverso. Circa un mese fa il presidente Vladimir Putin in persona si era speso a favore di una lunga proroga dei tagli. Anche qualche ministro dell’Opec sta mettendo il piede sul freno. Non è detto che i tagli dureranno ancora a lungo, sembra suggerire il kuwaitiano Issam Almarzooq.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]