Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Con il petrolio a 60 dollari Opec più esitante sui tagli
03/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il mercato del petrolio dava già per certa una proroga dei tagli produttivi fino al termine del 2018. In realtà il consenso all’interno dell’Opec e la convinzione del suo alleato più forte, la Russia, sembrano vacillare. Probabilmente il rally del Brent oltre 60 dollari al barile – soglia mantenuta anche ieri, nonostante tutto – ha rasserenato gli animi, al punto da rendere esitanti ad impegnarsi fin d’ora a ulteriori sacrifici. Le dichiarazioni – rilasciate dall’Arabia Saudita, dove il ministro russo Novak è stato ricevuto da re Salman – sembrano preparare il terreno a un nulla di fatto al vertice Opec del 30 novembre: il gruppo e i suoi alleati potrebbero rinviare l’annuncio di una proroga dei tagli a una data più vicina all’attuale scadenza, prevista a fine marzo. In precedenza l’approccio di Mosca era stato diverso. Circa un mese fa il presidente Vladimir Putin in persona si era speso a favore di una lunga proroga dei tagli. Anche qualche ministro dell’Opec sta mettendo il piede sul freno. Non è detto che i tagli dureranno ancora a lungo, sembra suggerire il kuwaitiano Issam Almarzooq.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]