Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Se il petrolio va a 100 dollari occhio ai prezzi e alla Bce
15/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il rischio di un surriscaldamento del greggio rimane, nonostante l’Opec si sia dichiarata ieri pronta a colmare la possibile flessione dell’export iraniano. Del resto, sullo scenario petrolifero incombe anche il peso ingombrante della crisi venezuelana, dalla quale può derivare un buco produttivo di 500mila barili al giorno nei prossimi mesi. Bank of America ipotizza che il prezzo del greggio potrebbe toccare i 100 dollari nel secondo semestre 2019, dopo aver raggiunto già i 90 dollari nella prima parte dell’anno prossimo.  Si tratta di livelli non privi di conseguenze negative. La prima, e la più vistosa, sarebbe un rincaro dei carburanti. C’è però un’altra variabile da considerare: all’Opec e ai Paesi esteri al Cartello conviene un barile a 100 dollari? Secondo molti analisti, no. I 70-80 dollari – osservano – sono un range equilibrato: permette ai produttori di intascare buoni profitti, è sostenibile dalle industri mondiali e non prova scosse ai prezzi dei beni di consumo.

Fonte: Il Giornale – Rodolfo Parietti (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]