Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Perforazioni Eni a segno in Messico
13/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Eni ha perforato e testato con successo il pozzo Amoca-3 nelle acque poco profonde della baia di Campeche in Messico, incontrando un importante accumulo di olio in vari livelli reservoir delle formazioni Orca e Cinco Presidentes. Il pozzo ha raggiunto una profondità finale di 4.330 metri. La campagna esplorativa nell’Area 1 proseguirà con la perforazione del primo appraisal della scoperta Mizto’n. In questo modo Eni è in grado di aumentare le stime di risorse per il campo di Amoca a un miliardo di barili di olio equivalente e quelle complessive dell’area contrattuale 1 a 1,3 miliardi di boe in posto, di cui il 90% costituiti da olio, con ulteriori margini di crescita. La società intende presentare entro quest’anno un piano di sviluppo accelerato e realizzato per fasi, con l’obiettivo di arrivare al primo olio a inizio 2019. L’a.d. Claudio Descalzi ha parlato di «un progetto ideale in questo scenario di bassi prezzi del petrolio: Eni conta di diventare la prima società internazionale ad avere una produzione operata in Messico».

Fonte: Italia Oggi – Red. (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]