Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Perforato il quinto pozzo di Zohr
02/09/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

A un anno preciso dalla sua scoperta, non si ferma il processo per portare alla completa operatività il giacimento Zohr. Ieri Eni  ha perforato con successo il quinto pozzo della struttura, Zohr 5x, al largo delle coste dell’Egitto, dodici chilometri a sud-ovest di Zohr 1x, il pozzo attraverso cui è stato scoperto il giacimento. Il sito è a 1.538 metri di profondità d’acqua e 4.350 metri di profondità complessiva. Questa perforazione ha permesso di confermare la presenza nella zona sud-ovest del giacimento della stessa struttura a «reservoir carbonatico e mineralizzazione a gas riscontrate nel resto del sito», dice un nota di Eni , che aggiunge come siano «presenti 180 metri di una colonna continua di gas in rocce-serbatoio con eccellenti proprietà». Tutti i dati acquisiti e analizzati nella prova confermano la grande capacità produttiva delle rocce-serbatoio dell’area sud-ovest del sito, con portate analoghe a quelle registrate a Zohr 2x. Questa nuova trivellazione ha permesso anche di accertare il potenziale complessivo di Zohr, stimato in 850 miliardi di metri cubi di gas.

Fonte:MF – Antonio Lusardi (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sfida verde dell’Europa al mondo: mille miliardi, neutralità Co2 nel 2050

La Commissione europea ha presentato ieri una nuova e ampia strategia ambientale che nei prossimi anni avrà impatto su tutti i settori: dall’industria all’agricoltura, dai trasporti all’energia.
[leggi tutto…]

Il gas del Tap cerca il raddoppio

Si deciderà a metà 2020 il raddoppio del gasdotto Tap
[leggi tutto…]

Emissioni, meglio tassarle alle frontiere

Per raggiungere gli obiettivi ambiziosi che servono a fronteggiare l’emergenza climatica, uno dei rimedi suggeriti dalla Presidente della Commissione europea, von der Lyen, è quello di tassare le emissioni per incentivare i produttori
[leggi tutto…]