Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Le perdite di Eni a 1,2 miliardi Su la produzione
30/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

Debolezza del prezzo di petrolio e gas e fermo dell’impianto lucano in Val d’Agri: i conti di Eni chiudono in rosso per il secondo trimestre del 2016 e con una perdita netta di 446 milioni di euro che, sommata a quella di gennaio-marzo, arriva a quota 1.242 miliardi il passivo della società. Ma l’ad del gruppo Descalzi conferma comunque i target e i progetti di sviluppo perché guarda alla produzione e perché può contare su una struttura patrimoniale solida. Nel caso della produzione, nonostante la Basilicata e le interruzioni in Nigeria, l’incremento produttivo compensa quei cali e supera le attese. Nel caso della struttura patrimoniale invece, la solidità, che è fondata sull’auto-finanziamento degli investimenti a un prezzo del brent di 50 dollari al barile, permette al numero uno di Eni di riconfermare la proposta di un acconto sul dividendo pari a 40 centesimi ad azione.

Fonte: Corriere della Sera – R. Po (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]