Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Le perdite di Eni a 1,2 miliardi Su la produzione
30/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

Debolezza del prezzo di petrolio e gas e fermo dell’impianto lucano in Val d’Agri: i conti di Eni chiudono in rosso per il secondo trimestre del 2016 e con una perdita netta di 446 milioni di euro che, sommata a quella di gennaio-marzo, arriva a quota 1.242 miliardi il passivo della società. Ma l’ad del gruppo Descalzi conferma comunque i target e i progetti di sviluppo perché guarda alla produzione e perché può contare su una struttura patrimoniale solida. Nel caso della produzione, nonostante la Basilicata e le interruzioni in Nigeria, l’incremento produttivo compensa quei cali e supera le attese. Nel caso della struttura patrimoniale invece, la solidità, che è fondata sull’auto-finanziamento degli investimenti a un prezzo del brent di 50 dollari al barile, permette al numero uno di Eni di riconfermare la proposta di un acconto sul dividendo pari a 40 centesimi ad azione.

Fonte: Corriere della Sera – R. Po (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]