Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa In perdita il 3,5% del petrolio estratto
06/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

Agli attuali livelli di prezzo, intorno a 35 dollari al barile, il 3,5% del petrolio viene estratto in perdita. Si tratta di 3,5 milioni di barili al giorno di produzione, che però non viene interrotta: nell’ultimo anno le compagnie hanno tolto dal mercato per motivi economici appena 100mila bg. Le stime sono di Wood Mackenzie, che possiede una banca dati relativa ad oltre 10mila giacimenti nel mondo. Prima o poi l’offerta scenderà, chiarisce Robert Plummer, vicepresidente della società di consulenza: «I tagli agli investimenti ridurranno i futuri volumi di produzione». Considerato che le compagnie hanno già cancellato progetti estrattivi per quasi 400 miliardi di dollari, l’impatto potrebbe essere importante ed è verosimile che ci saranno ripercussioni sul prezzo del greggio, se l’offerta non sarà sviluppata abbastanza da tenere il passo con la crescita della domanda e compensare il declino dei giacimenti. Tuttavia secondo Wood Mackenzie è illusorio sperare in una volontaria chiusura dei rubinetti. «Riavviare la produzione è costoso - spiega Plummer - e molti produttori continueranno a subire perdite sperando in un rimbalzo dei prezzi». In alcune aree non solo riavviare, ma anche fermare le trivelle può essere costoso, oltre che tecnicamente complicato. Baker Hughes ieri ha comunicato che gli impianti di perforazione attivi negli Stati Uniti, già ai minimi dal 2010, sono diminuiti di altre 31 unità, ad appena 467. L’anno scorso sono state fermate 963 trivelle nel Paese, il calo più forte almeno dal 1988. Wood Mackenzie sostiene tuttavia che proprio negli Usa ci siano attualmente soltanto 190mila bg di produzione “cash negative” col Brent a 35 dollari. La maggior parte, grazie ai forti progressi tecnici, che hanno consentito di aumentare l’efficienza e la produttività degli impianti, finirebbe in rosso solo «moltoal di sotto dei 30 dollari». Il petrolio che oggi viene estratto in perdita si trova quasi tutto in Canada: 2,2 mbg, principalmente nelle oil sands. Seguono il Venezuela con 230mila bg e l’offshore britannico con 220mila bg.

Fonte: Il Sole 24 ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]