Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Perché la bolla petrolifera è dietro l’angolo
07/10/2018 - Pubblicato in news internazionali

Ci sono fattori oggettivi che spingono verso una riduzione dell’offerta globale di greggio, nonostante l’industria petrolifera abbia raggiunto lo scorso agosto i 100 milioni di barili prodotti al giorno (bg). Nel breve periodo, l’elemento geopolitico è preponderante: con il collasso economico la produzione del Venezuela è crollata a 1,3 milioni bg (nel 2015 erano 2,7); il solo embargo USA ha già sottratto 700mila bg dalla produzione dell’Iran. La soluzione di finanza strutturata promossa dall’UE rischia di rimanere solo si carta. Si tratta di uno specifico veicolo che dovrebbe reindirizzare i trades petroliferi delle imprese ancora in affari con l’Iran su euro e altre valute; tuttavia pare che al momento le corporations preferiscano mollare per accedere al mercato Usa rispetto a tecniche rischiose di elusione. Resta l’incognita dell’Arabia Saudita, l’unico Paese che può realisticamente aumentare l’offerta nell’arco di mesi. In definitiva i fondamentali spingono il prezzo del petrolio; con una bolla speculativa si potrebbero toccare i 100 dollari in poche settimane per poi avere un crash stile 2008-2009, con effetti negativi sul sistema globale di distribuzione e sul ciclo economico.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Marcello Minenna (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]