Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Partono 15 progetti dell’Eni sulle rinnovabili
26/09/2017 - Pubblicato in news nazionali

Eni ha messo in atto una «grande trasformazione che porterà il segmento delle rinnovabili ad avere un peso in termini di Ebit nel futuro». Lo ha annunciato ieri Claudio Descalzi, amministratore delegato del cane a sei zampe, parlando al diciassettesimo Italian Energy Summit del Sole 24 Ore. «Dove ci sono le condizioni, stiamo sostituendo il gas con l’energia solare», ha spiegato il manager a margine dell’evento, sottolineando che questo «ci dà grossi vantaggi, perché consumiamo meno gas e soprattutto paghiamo meno le energie» e che la crescita in questo ambito, per Eni avverrà «organicamente», quindi senza acquisizioni. «In pochissimi mesi abbiamo approvato 15 progetti in Italia ed estero per arrivare a 500 megawatt di capacità e pensiamo di arrivare a un giga», ha proseguito l’amministratore delegato. Eni, ha poi ricordato Descalzi «negli ultimi 6-7 anni» ha messo «un miliardo e mezzo» di investimenti in questo segmento. Sul fronte estero il numero uno del Cane a Sei zampe ha ricordato che «l’accordo con Petrochina è importante e storico perché è il primo di questo tipo e copre tutto lo spettro dell’oil&gas». 

Fonte: Libero – A.B. (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]