Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Una partita energetica cruciale per l’Italia
16/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

Questo non dev’essere stata una scelta facile per il governo Renzi, considerato che nella Ue siamo il secondo partner commerciale di Mosca. Ma è questo il momento giusto per giocare una partita che non possiamo permetterci di perdere. Il raddoppio del gasdotto Nord Stream - che Gazprom ha progettato in alleanza con società tedesche, francesi, austriache e britanniche, ma non italiane - rischia di far naufragare l’aspirazione a trasformare la Penisola in un hub europeo del gas: un traguardo che non è più possibile fermare o modificare, ora che i lavori per la Trans Adriatic Pipeline sono iniziati e che la nostra Snam è sul punto di diventarne socia. Dal 2019, se tutto va secondo i piani, il Corridoio Sud comincerà a trasportare in Italia il gas del Caspio e il combustibile dovrà necessariamente prendere la via dei mercati europei. Si tratta di un’occasione irripetibile per rafforzare il nostro ruolo sullo scacchiere energetico europeo. Ma se tutto il gas russo (di cui peraltro non potremo fare a meno nei prossimi anni) punterà dritto verso la Germania rischiamo di restare relegati alla periferia del mercato. Se non altro perché il gas azero, recapitato via Tap, soddisferà appena l’1% dei consumi europei, mentre quello russo vale oltre il 20 per cento. Nel progetto originario South Stream sarebbe dovuto arrivare fino all’Italia. L’Eni era uno dei maggiori azionisti e Saipem aveva vinto la gara per realizzare la tratta sotto il Mar Nero: contratto stracciato di punto in bianco da Gazprom quando i tubi erano già arrivati sul posto, pronti per essere assemblati. Quindi tutto sommato Nord Stream 2 non ha nessun vantaggio da portare all’Italia: può solo penalizzarci. Con gli Usa che si sono già dichiarati contrari al progetto e con un folto gruppo di Paesi europei che (per altre ragioni) ha già iniziato a dare battaglia in Europa, il Governo Renzi è sceso in campo al momento giusto e nella circostanza giusta. E non è escluso che riesca a vincere la partita.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Mondo

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]