Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Pandemia, preoccupazioni condivise tra Aie e Opec
17/03/2020 - Pubblicato in news internazionali

Con una comunicazione congiunta diramata dal segretariato di Vienna, i leader dell'Opec e dell'Aie hanno espresso profonda preoccupazione per la grave crisi sanitaria globale causata dal coronavirus (COVID-19) e per i relativi impatti sulla stabilità delle economie e dei mercati, in particolare nei paesi in via di sviluppo. Il direttore esecutivo dell'Agenzia internazionale dell'energia, Fatih Birol, e il segretario generale dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, Mohammad Sanusi Barkindo, hanno parlato telefonicamente per rivedere la situazione attuale nei mercati petroliferi globali. Birol e Barkindo hanno valutato l'impatto del virus e della recente volatilità ad ampio spettro del mercato finanziario e petrolifero sull'economia globale. In particolare, hanno discusso dei rischi intrinseci delle dinamiche in rapida evoluzione, compresi gli sviluppi più recenti nei mercati petroliferi globali. Birol e Barkindo hanno esaminato l'impatto sui paesi in via di sviluppo vulnerabili e hanno osservato che se le attuali condizioni di mercato continuano, il loro reddito da petrolio e gas diminuirà del 50% - 85% nel 2020, raggiungendo i livelli più bassi in oltre due decenni, secondo recente analisi Aie. È probabile che ciò abbia importanti conseguenze sociali ed economiche, in particolare per la spesa del settore pubblico in settori vitali come l'assistenza sanitaria e l'istruzione.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]