Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’oro rialza la testa
14/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il prezzo del metallo giallo che tanto aveva deluso nelle precedenti settimane, è rimbalzato in modo evidente, anche se non eccessivo, sulla scia dell’indebolimento del dollaro Usa: c’è sempre un’intensa correlazione tra dollaro e oro. Il dollaro debole unito ai dati manifatturieri forti in Usa e in Cina hanno inoltre fatto volare i prezzi di platino e palladio, mentre il petrolio ha a sua volta visto un ridimensionamento e l’accordo relativo al controllo dell’output ha terminato il suo effetto. Il forte aumento delle scorte Usa di petrolio si è riflesso in prese di profitto rispetto al movimento principale. Collassati di oltre il 10 e il 22% i prezzi del gas naturale e del carbone, principalmente per via di un ridimensionamento delle emissioni di carbone a livello europeo per la via normativa. Infine, tra i metalli industriali, continua a muoversi bene il rame, sebbene la maggiore raccolta netta sia di oro e platino.

Fonte: MF – Fausto Tenini (pag. 35)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]