Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Oro e petrolio di nuovo in luce
22/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il rimbalzo è arrivato proprio quando nessuno se lo aspettava. Oro e petrolio, i grandi sconfitti degli investimenti negli ultimi 24 mesi, hanno rialzato la testa e di colpo sono state riscoperte le loro virtù come beni rifugio. Tanto che oggi in molti si interrogano sull’opportunità di tornare a puntare su queste soluzioni in una fase di prolungata volatilità per le altre asset class. Sul petrolio, per Morgan Stanley la media di 30 dollari al barile è lo scenario di base per i prossimi dodici mesi, dato che sul mercato esiste un eccesso di produzione. Occorrerà attendere almeno il 2018 per rivedere un livello intorno agli 80 dollari. Christophe Bernard, chief strategist di Vontobel, invece, ritiene probabile un rialzo dei prezzi del greggio già nella seconda metà del 2016, pur senza l’attesa di particolari balzi.

Fonte: Italia Oggi 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas Intensive, "la battaglia sullo spread di prezzo è alla fase decisiva"

Intervista a Paolo Culicchi, voce storica dell'industria manifatturiera e energy intensive italiana e presidente del consorzio dei grandi consumatori di gas Gas Intensive
[leggi tutto…]

L’industria del gas taglia le emissioni di metano

La direzione è stata messa nero su bianco nella Strategia Ue presentata a ottobre che fissala road map per ridurre le emissioni di metano sia nel Vecchio Continente che a livello internazionale
[leggi tutto…]

Il Tap è operativo: in Italia è giunto il primo gas azero

Il gasdotto Tap è finito. E non solo, ha cominciato a funzionare. Lo ha annunciato nei giorni scorsi la società, raccontando di aver avviato le operazioni commerciali
[leggi tutto…]