Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Oro e petrolio di nuovo in luce
22/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il rimbalzo è arrivato proprio quando nessuno se lo aspettava. Oro e petrolio, i grandi sconfitti degli investimenti negli ultimi 24 mesi, hanno rialzato la testa e di colpo sono state riscoperte le loro virtù come beni rifugio. Tanto che oggi in molti si interrogano sull’opportunità di tornare a puntare su queste soluzioni in una fase di prolungata volatilità per le altre asset class. Sul petrolio, per Morgan Stanley la media di 30 dollari al barile è lo scenario di base per i prossimi dodici mesi, dato che sul mercato esiste un eccesso di produzione. Occorrerà attendere almeno il 2018 per rivedere un livello intorno agli 80 dollari. Christophe Bernard, chief strategist di Vontobel, invece, ritiene probabile un rialzo dei prezzi del greggio già nella seconda metà del 2016, pur senza l’attesa di particolari balzi.

Fonte: Italia Oggi 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]