Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ora Snam ci riprova in Brasile
27/04/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Dopo il successo in Grecia, dove ha conquistato il controllo di Desfa, ora Snam guarda al Brasile. Arrivano conferme infatti sull’intenzione del gruppo italiano di partecipare alla gare per rilevare il 90% Transportadora Associada de Gas (TAG), la filiale di trasporto di gas naturale della compagnia statale brasiliano Petrobras che gestisce un sistema di gasdotti di 4.500 km, situato soprattutto nelle regioni settentrionali e nordorientali del paese. Snam, guidata dall’ad Alverà avrebbe deciso di unirsi al consorzio capitanato dal fondo di investimenti di Abu Dhabi Mubadal, dal private equity americano Eig Global Energy Partners e dai cinesi del Silk Road Fund, risultando così l’unico player industriale del raggruppamento. La decisione di Petrobras vendere la quota di TAG risale allo scorso settembre e ora pare si sia arrivati alle battute finali, dato che nei giorni scorsi sarebbero scaduti i termini per presentare le offerte e molto probabilmente le prime risposte potrebbero giungere già nelle prossime settimane. La vendita del metanodotto, il cui valore si aggirerebbe intorno agli 8 miliardi di dollari, rappresenterà la maggior dismissione effettuata da Petrobras, che ha come obiettivo disinvestimenti complessivi per 21 miliardi di dollari nel biennio 2017-2018. Inoltre la vendita di Tag consentirebbe a Petrobras di eliminare attività commerciali meno redditizie e ridurre il debito di 95 miliardi di dollari.

Fonte; MF – Nicola Carosielli (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]