Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ora la battaglia si sposta sul petrolio
28/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

Gli ultimi dati disponibili, diffusi tre settimane fa, segnalavano come le esportazioni petrolifere del Venezuela fossero crollate alla fine del 2018 ai minimi da quasi trent’anni. Nel 2012 Caracas produceva 2,9 milioni di barili al giorno di petrolio (mbg) e ne esportava 2,1. Sei anni dopo, ha estratto meno della metà del greggio (1,3 mbg) esportandone 1,2 milioni. Quello che un tempo era il quarto produttore dell’Opec, potrebbe ritrovarsi a produrre poco più di mezzo milione di barili. Chi potrebbe essere avvantaggiato da questa situazione è l’Iran. Per evitare un drastico aumento dei prezzi del greggio, Trump aveva deliberato una serie di esenzioni temporanee per i maggiori importatori di greggio iraniano. Tali esenzioni dovevano durare sei mesi, ma con la crisi in corso in Venezuela potrebbero essere estere. Anche se Maduro si dimettesse subito e in modo pacifico, la ristrutturazione della compagnia petrolifera di Stato (Pdvsa), sommersa di debiti, richiederà molto tempo.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Roberto Bongiorni (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]