Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec snobba Trump la produzione non cresce e il greggio vola ai massimi
25/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

Da un lato ci sono le preoccupazioni politiche del presidente Usa, Donald Trump, impegnato nella campagna elettorale di metà mandato. A queste si contrappongono gli interessi dei paesi produttori, i quali non hanno intenzione – per il momento – di intervenire per calmierare i prezzi aumentando la produzione. Nel mezzo, si trovano le compagnie petrolifere private, le quali firmerebbero per un prezzo stabile tra i 70 e gli 80 dollari: oltre potrebbe essere un freno alla crescita delle economie emergenti asiatiche, con il conseguente crollo dei prezzi. Sono queste le principali conseguenze delle nuova fiammata del prezzo del petrolio, in salita da oltre un mese, dopo i minimi toccati attorno a Ferragosto.

Fonte: La Repubblica – Luca Pagni (pag. 31)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]