Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Opec, c’è il sì ai tagli ma sale l’insofferenza sull’asse Mosca-Riad
02/07/2019 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec ha archiviato senza difficoltà la pratica dei tagli alla produzione di petrolio – che continueranno fino al 2020 – ma il vertice dell’Organizzazione si è incagliato sul tema della collaborazione con la Russia, che solleva una crescente e ormai diffusa insofferenza: l’Arabia Saudita in particolare è accusata di unilateralismo, a causa della relazione sempre più stretta con Mosca. L’asse si è rivelato utile per governare il mercato ma si è rafforzato al punto che dà fastidio. Il ritardo nella conclusione di un vertice che sembrava facile ha afflosciato le quotazioni del petrolio. L’Opec ha recepito alla lettera il piano che Putin e il principe saudita bin Salman avevano concordato al G20 di Osaka: tagli alla produzione per altri 9 mesi, invece dei 6 di cui si parlava fino alla settimana scorsa. Il ministro iraniano Zanganeh ha denunciato la crescente marginalizzazione dell’Opec da parte di Russia e Arabia Saudita , affermando che con questo tipo di processi l’Organizzazione morirà. Oggi è previsto che alla riunione si uniscano Russia e altri alleati esterni.  

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]