Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Opec e Russi temperano le aspettative sul vertice
21/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec e i suoi alleati devono ancora mettersi d’accordo sui dettagli del piano per proseguire il taglio della produzione di petrolio. Nelle ultime settimane un mix di rumor e di dichiarazioni ha messo in dubbio la disponibilità della Russia ad appoggiare senza esitazione un’ulteriore proroga del piano, dall’attuale scadenza del 31 marzo alla fine del 2018. Il Brent è arretrato ieri dello 0,8% a 62,22 $. Gli speculatori hanno ancora una fortissima esposizione al rialzo, addirittura da record se si considera l’insieme dei future del comparto: su Brent, Wti, benzina e gasolio ci sono posizioni lunghe equivalenti a 1,31 miliardi di barili. Il ministro iraniano Zanganeh ieri ha detto all’agenzia Irna che “la maggioranza dei membri Opec supporta la proroga”. Il ministro russo Novak ha ripetuto che Mosca deciderà più avanti che posizione prendere a fine mese. Rosneft proprio ieri ha firmato un contratto per fornire 60,8 milioni di tonnellate di greggio tra il 2018 e il 2022 alla cinese Cefc, appena divenuta sua azionista col 14%.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 46)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]