Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Opec e Russi temperano le aspettative sul vertice
21/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec e i suoi alleati devono ancora mettersi d’accordo sui dettagli del piano per proseguire il taglio della produzione di petrolio. Nelle ultime settimane un mix di rumor e di dichiarazioni ha messo in dubbio la disponibilità della Russia ad appoggiare senza esitazione un’ulteriore proroga del piano, dall’attuale scadenza del 31 marzo alla fine del 2018. Il Brent è arretrato ieri dello 0,8% a 62,22 $. Gli speculatori hanno ancora una fortissima esposizione al rialzo, addirittura da record se si considera l’insieme dei future del comparto: su Brent, Wti, benzina e gasolio ci sono posizioni lunghe equivalenti a 1,31 miliardi di barili. Il ministro iraniano Zanganeh ieri ha detto all’agenzia Irna che “la maggioranza dei membri Opec supporta la proroga”. Il ministro russo Novak ha ripetuto che Mosca deciderà più avanti che posizione prendere a fine mese. Rosneft proprio ieri ha firmato un contratto per fornire 60,8 milioni di tonnellate di greggio tra il 2018 e il 2022 alla cinese Cefc, appena divenuta sua azionista col 14%.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 46)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]