Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec prova a frenare Libia e Nigeria
11/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec sta provando a mettere un freno alla produzione di petrolio di Libia e Nigeria, che è cresciuta a sorpresa negli ultimi mesi, al punto da neutralizzare un terzo dei tagli effettuati dall’Organizzazione e dai suoi alleati. È stato il Governo russo a rivelare che rappresentanti dei due Paesi, finora esentati dai tetti produttivi, sono stati invitati a San Pietroburgo il 24 luglio, per la riunione del Comitato di monitoraggio sui tagli. L’iniziativa ha arginato le vendite sui mercati petroliferi, ma il recupero delle quotazioni del barile è stato comunque modesto: +0,4%, con il Brent a 46,88 dollari e il Wti a 44,40 $ a fine seduta. Lo scetticismo è comprensibile. Libia e Nigeria, che rispetto a ottobre stanno estraendo 600mila bg in più (a fronte di tagli Opec-non Opec per 1,8 milioni di bg), non sembrano disposte a fermarsi. Il ministro nigeriano Emmanuel Ibe Kachikwu, che pure si era detto disponibile a fare la sua parte in caso di recupero dell’output, ha già detto che non andrà in Russia, per un precedente impegno. E comunque chiede «qualche mese per vedere se il recupero è permanente e sostenibile». Dalla Libia intanto Mustafa Sanalla, a capo della National Oil Corporation (Noc), fa sapere che il suo Paese – che oggi estrae 1 mbg, il massimo da 4 anni, ma punta ad arrivare a 1,2 mbg – può al massimo «informare l’Opec e i mercati dei suoi piani sul recupero della produzione». «La situazione politica, umanitaria ed economica della Libia – sottolinea Sanalla – dev’essere tenuta in conto se dobbiamo parlare di tetti alla produzione».

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]