Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec prende tempo su proroga dei tagli e problema Nigeria
23/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec comincia a vedere ricompensati i sacrifici. La domanda di petrolio accelera e le scorte si stanno riducendo sempre più in fretta. Il paniere dei greggi estratti dall’Organizzazione giovedì valeva 54,59 $/barile. Anche sui mercati dei futures le quotazioni continuano a rafforzarsi: il Brent è in rialzo di oltre il 25% da giugno: ieri ha chiuso a 56,86 $/barile, il massimo da gennaio. Libia e Nigeria, nonostante la forte ripresa della produzione, continuano a resistere alle pressioni per un ripristino delle quote. Non c’è ancora un accordo dei tagli Opec-non Opec. È ancora troppo presto per concrete discussioni sull’estensione dei tagli. Le solite esibizioni di coesione e determinazione del gruppo non sono mancate: Al Marzouq ministro del Kuwait ha dischiarato che il percorso intrapreso è quello giusto.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]