Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Opec, piano per produrre un milione extra barili
22/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec discuterà un aumento della produzione di petrolio da un milione di barili al giorno. Il ministro saudita Al Falih ha svelato le carte alla vigilia del vertice Opec, mostrando che ci sono stati passi avanti nel conciliare le posizioni di tutti i Paesi membri e il mercato gli ha dato fiducia. Il Brent ha perso quasi il 2%, ripiegando verso 73 dollari al barile, anche se l’accordo non è ancora fatto ed è probabile che i dettagli non saranno messi a punto fino all’ultimo minuto. Riad ha affilato le armi della diplomazia, soprattutto per conquistare l’appoggio dell’Iran che minacciava di far saltare il tavolo. Per uscire dall’impasse non si potrà fare a meno di distribuire l’aumento di produzione in modo proporzionale ai tetti di ciascun Paese, riducendo i volumi di petrolio che raggiungeranno il mercato. Il saudita Al Falih ha riferito che secondo i calcoli dell’Opec la coalizione ha sottratto al mercato 2,8 mbg di greggio invece degli 1,8 mbg che erano nei patti. In gran parte si tratta di tagli involontari, come quelli dovuti al collasso del Venezuela, che si fa sempre più drammatico.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]