Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Opec, niente tetto di produzione
03/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Liquidare come un flop anche l’ultimo vertice dell’Opec è una facile tentazione. Non ci sono stati tagli, né congelamenti della produzione ed è saltato anche il piano, di cui si vociferava, di per reintrodurre un tetto produttivo ufficiale. L’Iran si è messa di traverso pretendendo quote individuali. Il mercato ha reagito con delusione, affondando il barile di quasi il 2% anche se poi il ribasso è stato recuperato dal calo delle scorte petrolifere Usa: il Brent ha chiuso a 50,04 dollari al barile (+0,3%). Tuttavia, l’Opec è riuscita ad eleggere un nuovo segretario generale, un risultato non da poco, che sblocca una situazione di stallo che durava da 4 anni: Mohammed Berkindo, candidato nigeriano, di nazionalità abbastanza “neutrale” da non suscitare divisioni. Ma ciò che conta davvero è che i lavori di ristrutturazione sembrano avviati anche all’interno dell’ormai scricchiolante edificio dell’Opec, con l’Arabia Saudita che, a dispetto di quanti prefiguravano un disimpegno, si è assunta il ruolo di capomastro. Il neo-ministro dell’Energia Falih ieri ha parlato dell’Opec come di un’organizzazione costretta a cambiare pelle, ma non certo condannata a morte.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]