Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Opec messa alla prova da shale oil, Libia e Nigeria
10/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

I sauditi promettono di fare qualsiasi cosa serva per risollevare il mercato del petrolio. Il concorrente numero uno resta lo shale oil, che cresce rapidamente e sta portando gli Usa al traguardo dei 10 milioni di barili al giorno del 2018. L’Eia, Energy Information Administration, prevede per quest’anno una media di 9,3 mbg negli Usa. Anche paesi membri dell’Opec stanno accelerando le estrazioni. La Libia è appena arrivata a 800 mila bg, livello record da ottobre 2014. Anche la Nigeria potrebbe aggiungere altri 200 mila bg al mercato, con le ultime riparazioni all’oleodotto Forcados, chiuso da febbraio 2016.

Fonte: Il Sole24Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag.24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]