Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Opec messa alla prova da shale oil, Libia e Nigeria
10/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

I sauditi promettono di fare qualsiasi cosa serva per risollevare il mercato del petrolio. Il concorrente numero uno resta lo shale oil, che cresce rapidamente e sta portando gli Usa al traguardo dei 10 milioni di barili al giorno del 2018. L’Eia, Energy Information Administration, prevede per quest’anno una media di 9,3 mbg negli Usa. Anche paesi membri dell’Opec stanno accelerando le estrazioni. La Libia è appena arrivata a 800 mila bg, livello record da ottobre 2014. Anche la Nigeria potrebbe aggiungere altri 200 mila bg al mercato, con le ultime riparazioni all’oleodotto Forcados, chiuso da febbraio 2016.

Fonte: Il Sole24Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag.24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]