Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec ha già fatto un regalo allo shale oil
04/10/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il taglio di produzione deciso dall’Opec potrebbe anche non tradursi mai in realtà. Eppure ha già avuto l’effetto di ridare ossigeno al principale avversario del gruppo: lo shale oil americano. Non c’è ancora, ovviamente, un vero e proprio rilancio degli investimenti, che secondo gli analisti richiede che il petrolio si stabilizzi ad almeno 55-60 dollari al barile. Ma la recente fiammata dei prezzi ha già rifornito di denaro un gran numero di frackers, da un lato risollevandone azioni e obbligazioni e dall’altro offrendo una ghiotta opportunità per operazioni di hedging, con cui vendere in anticipo la produzione a prezzi capaci di garantire un profitto. Dopo il vertice di Algeri di mercoledì scorso le quotazioni del petrolio sono salite di quasi il 10%, superando 51 dollari al barile nel caso del Brent. 

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag.2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]