Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Opec, corsa contro il tempo per l’intesa
30/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il conto alla rovescia per il vertice Opec sembra scandire il tempo che separa le aspettative dal fallimento. Col passare delle ore diventa sempre più difficile credere nella possibilità di un accordo che sia qualcosa di più di un paravento, per cercare di salvare la faccia di fronte all’incapacità di tagliare la produzione di petrolio in modo consistente e soprattutto condiviso da tutti i Paesi membri. Le trattative non si sono comunque interrotte. Tutt’altro. Nella serata di ieri si è addirittura diffusa la voce che il vertice di oggi sarebbe stato anticipato da un pre-vertice, alle 7 di mattina: il «breakfast meeting» fissato nei giorni scorsi, probabilmente, che doveva servire per la messa a punto con i produttori non Opec, ma che in seguito è diventato impossibile organizzare. La Russia, che ha sbandierato a lungo la volontà di collaborare con l’Opec, ha cancellato la trasferta a Vienna: finché non ci sarà un accordo interno al gruppo «non serve», ha dichiarato senza mezzi termini il ministro dell’Energia Alexander Novak, che solo poche ore prima aveva ricevuto a Mosca i suoi omologhi algerino e venezuelano, impegnati in un estremo tentativo di mediazione diplomatica. Anche Azerbaijan e Kazakhstan hanno fatto sapere che non manderanno delegazioni al vertice.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]