Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec c’è ancora?
17/12/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec si può ancora definire un “cartello”?  La domanda è sorta spontanea dopo l’ultimo vertice viennese e l’annunciato addio del Qatar, ma i dubbi relativi alla sua fine non sono nuovi. D’altronde, per essere un “cartello”, l’Opec ha superato per durata qualsiasi altra intesa di tenore simile e si avvicina ormai ai sessant’anni di vita. Molto è cambiato nel frattempo, soprattutto dai primi anni Duemila. L’Arabia Saudita è sempre il leader economico dell’organizzazione, ma ha perso il suo ruolo di unico soggetto in grado di determinare l’equilibrio tra domanda e offerta, e quindi di condizionare i prezzi per tutti. L’Opec non produce più quasi la metà del petrolio mondiale, come negli anni ’80, ma la sua quota è scesa circa di un terzo. E oggi come non mai l’Arabia e l’Opec devono fare i conti con la Russia e soprattutto con gli Stati Uniti, che da un decennio a questa parte hanno beneficiato della rivoluzione “shale”. Ma a continuare il vecchio gioco del controllo dei prezzi sono soprattutto Russia ed Arabia. Gli Stati Uniti invece non giocano. O meglio, giocano solo con una prospettiva, quella dettata dal profitto delle singole compagnie. Il management della produzione, insomma, non è “politico”. Va da sé che gli Stati Uniti hanno il futuro davanti. Come ricordato dalla Iea (l’Agenzia internazionale dell’energia) nell’ultima settimana di novembre sono diventati per la prima volta dal 1991 “esportatori netti” di petrolio e prodotti petroliferi.

Fonte: Corriere della Sera, L’Economia – Stefano Agnoli (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]