Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Opec fa l’accordo e la benzina rincara subito

Non saranno certo i tre euro in più a pieno rispetto allo scorso anno a far traballare le finanze delle famiglie italiane, anche se l’aumento scatta proprio sotto le feste natalizie. Quello che infastidisce è piuttosto la consueta tempestività con la quale le compagnie petrolifere adeguano i prezzi dei carburanti ai rincari del greggio, paragonata alla lentezza che quell’adeguamento subisce quando il petrolio scende. La sequenza è rapida. Sabato 10 dicembre: i Paesi Opec e non Opec firmano l’accordo per ridurre la produzione di greggio. Lunedì 12: il Wti schizza oltre 54 dollari e il Brent sfiora i 58. Ieri: rincaro dei carburanti. Il copione è sempre lo stesso. Stessa asimmetria di riflessi tra rialzi e ribassi. Tenendo conto che solo in parte il ritardato adeguamento dei carburanti, in fase di discesa del greggio, si giustifica con la rigidità della componente fiscale, che pesa sicuramente ma non spiega proprio tutto.

Fonte: La Repubblica – Ettore Livini (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]